Chiese antiche, fortezze medievali, chiostri e suggestioni in riva al mare

Il matrimonio è un giorno ricco di aspettative e denso di emozioni, il momento in cui ha inizio la “nuova vita”, il cammino in due; è un’occasione unica da condividere con le persone care e da ricordare come un giorno perfetto; è il sogno di una vita. Ed il sogno per molte coppie ha preso forma, come per magia, all’isola d’Elba, una delle sette perle dell’Arcipelago Toscano, da sempre una meta privilegiata. Fissata la data comincia un vero e proprio viaggio alla ricerca dell’abito, delle bomboniere, del viaggio di nozze… ma quella della location per la celebrazione del rito nuziale, vera cornice dell’evento, resta la più importante sia per il  matrimonio civile che religioso. Sono molte le coppie che scelgono l’isola d’Elba per coronare la propria favola. Basta scoprire i segreti e la storia di questa terra, respirarne i profumi e godere dei suoi infiniti e indimenticabili panorami e tramonti, per innamorarsene e non riuscire più a farne a meno. Chiese antiche e moderne, storici santuari, piccole chiese di campagna, ma anche palazzi d’epoca e antiche fortezze capaci di creare atmosfere uniche sono alcune delle location dove celebrare l’amore. Un fascino incredibile destano luoghi come il Santuario della Madonna del Monte a  Marciana, immerso in un bosco di castagni, il Santuario della Madonna del Monserrato a Porto Azzurro, dal sapore spagnoleggiante, la suggestiva Chiesa della Madonna delle Grazie (sull’omonima spiaggia di Capoliveri) e la Chiesa romanica di San Niccolò, a San Piero, con i suoi  due altari. Più più raccolte e semplici sono invece le piccole chiese della Madonna della Neve a Lacona e di Santo Stefano alle Trane a Portoferraio, poste entrambe su colline sempreverdi, così come la piccola chiesa di San Gaetano al Porto nella storica Marina di Campo. Negli ultimi anni sono cambiati però gli stili di vita e le consuetudini, così, sempre più spesso, le coppie scelgono il rito civile per convolare a nozze. Lo fanno per esigenze personali o perché nell’immaginario collettivo rappresenta un rito meno formale, ma da vivere comunque con intensità, emozione ed  originalità. Ispirati da fantasia ed immaginazione, vanno alla ricerca del luogo che più li rappresenta o che conserva in sé un ricordo particolare. La scelta alternativa al luogo di culto è rappresentata in Italia dalle sedi dei palazzi comunali che all’Elba sono sette. Se il municipio rappresenta la scelta canonica, è pur vero che resta quella più fredda e impersonale quando non si tratta di location di particolare pregio per arte e storia. I comuni dell’Elba, non indifferenti al romanticismo ed al bello estetico, hanno saputo però valorizzare siti storici e location suggestive, oggi deputati alla celebrazione del rito civile.